venerdì 29 aprile 2005

1 anno...


amore mio....è passato un anno e sono così felice di stare con te....


(foto tratta da www.aurorablu.it)
ogni giorno che passa

TI AMO SEMPRE DI PIU'.....


GRAZIE PER COME SEI!!!

lunedì 11 aprile 2005

Ancora Giovanni Paolo II

Ecco qui una piccola cronologia degli ultimi giorni di vita di Giovanni Paolo II.....
per non dimenticare...!!!

Le notizie sono tratte dal sito
http://it.wikinews.org/wiki/Pagina_principale

Il Papa si aggrava

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

31 marzo 2005


Le condizioni di Papa Giovanni Paolo II si sono aggravate nel corso della giornata di giovedì.
Il portavoce Navarro Valls ha dichiarato che "Il Santo Padre nella giornata di oggi è stato colpito da una affezione altamente febbrile provocata da una infezione documentata delle vie urinarie".
Al momento non è previsto il ricovero al Policlinico Gemelli, come ha precisato il responsabile del dipartimento di emergenza Professor Rodolfo Proietti.
Centinaia di persone si sono radunate in Piazza San Pietro non appena la notizia ha cominciato a diffondersi. Le luci dell'appartamento papale sono state spente intorno alle 23.30.

Peggiorate le condizioni del Papa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

1 aprile 2005


Il bollettino medico emesso alle 19.00 dalla Santa Sede reca la notizia dell'ulteriore aggravamento delle condizioni generali del Santo Padre, Papa Giovanni Paolo II.
L'insufficienza cardiocircolatoria e la compromissione dei principali parametri biologici, uniti ad un respiro superficiale, non lasciano ben sperare per il decorso della malattia nelle prossime ore.
Alle 19.07 il Papa avrebbe perso conoscenza, ulteriori fonti mediche delineano un quadro clinico fortemente compromesso, con un'insufficienza renale, aggravata dall'impossibilità di ricorrere alla dialisi.


Papa gravissimo, ma cosciente e sereno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

1 aprile 2005


"Papa Giovanni Paolo II è lucido, cosciente e sereno, ma le sue condizioni sono molto gravi". È quanto ha dichiarato alla stampa alle 12.30 il portavoce vaticano Joaquim Navarro Vals. È in particolare la pressione arteriosa instabile a causare timore, sebbene la salute del Pontefice sia attualmente stazionaria.
Rimane quindi preoccupante la condizione di Karol Wojtyla, dopo l'aggravamento nella giornata di ieri. La condizione attuale del Papa sarebbe "conseguenza di uno shock settico secondario, con calo della pressione arteriosa". Wojtyla resta sotto antibiotici per bloccare l'infezione, oltre a seguire una terapia di farmaci vasoattivi per sostenere la circolazione sanguigna. Viene inoltre aiutato nella respirazione e nella diuresi. Ad assisterlo il suo medico personale, Renato Buzzonetti, insieme a due medici specialisti in rianimazione, un medico cardiologo, uno specialista otorinolaringoiatra, e due infermieri.

Don Stanislao Dziwisz, segretario del Pontefice, ha somministrato a Wojtyla nella serata di ieri l'estrema unzione, ultimo sacramento cristiano prima della morte. Un atto dovuto, già svolto alla vigilia della tracheotomia al Policlinico "Gemelli" di Roma. Rispettata la volontà di Giovanni Paolo II di restare in Vaticano, dove tuttavia - secondo Vals - rimane assicurata "una completa ed efficiente assistenza sanitaria".
La notizia dell'aggravamento del Pontefice ha scosso tutto il mondo. A San Pietro (Roma) un flusso ininterrotto di persone sta raggiungendo i fedeli che già da questa mattina affollano la Piazza in attesa di notizie. I cittadini di Wadowice (Polonia), città natale di Wojtyla, stanno seguendo attraverso i media gli sviluppi "molto preoccupati per la salute del Papa", come dichiarato dal portavoce del sindaco Stanislaw Kotarba. Anche la Spagna segue con apprensione il calvario di Giovanni Paolo II: la CNN spagnola ha aperto un collegamento fisso con Roma, ed in generale sono queste ore difficili del Pontefice a prevalere - sui media - rispetto a politica interna e internazionale. In Francia, l' arcivescovo di Parigi celebrerà oggi alle 18.15 nella cattedrale di Notre Dame una messa per il Papa, come già fatto questa mattina nel Duomo di Colonia (Germania). A Londra, centinaia di persone sono riunite in preghiera nella abbazia di Westminster.

Numerose le reazioni politiche, sia a livello nazionale che internazionale. Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha invitato tutte le forze politiche ad astenersi dalle lotte elettorali in vista delle prossime elezioni del 4 Aprile. "In questo momento di dolore per le condizioni del santo padre occorre fare un passo indietro, non ha senso quindi pensare alle manifestazioni per le elezioni" ha dichiarato a Radio Anch'io il Ministro degli Esteri Gianfranco Fini. Le elezioni si svolgeranno comunque regolarmente: "segno di rispetto nei confronti del Santo Padre", come dichiarato dal Ministro degli Interni Giuseppe Pisanu.


Giovanni Paolo II è morto

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

Roma, 2 aprile 2005

Giovanni Paolo II



Papa Giovanni Paolo II è morto.

Il Pontefice si è spento questa sera alle 21.37 nelle sue camere private di San Pietro, in Vaticano.

La notizia è stata battuta per prima dall'Ansa, e poi ripresa dai media di tutto il mondo. La folla in piazza piange e canta, tra questi anche i "suoi" giovani, che lui aveva cercato, ed erano venuti.

Karol Wojtyła, eletto pontefice nell'ottobre 1978, è stato il primo Papa non italiano dopo 455 anni, il "Papa del mondo", primo a visitare i poveri di tutto il pianeta, a entrare in una Moschea, ad avvicinarsi ai Patriarchi della Chiesa Ortodossa, è deceduto in seguito a un'insufficienza cardiorespiratoria e renale. Era peggiorato nella giornata di giovedì, con problemi di circolazione arteriosa e respiratori, ma aveva deciso di restare in Vaticano. Ora il mondo si stringe nel dolore.

Con la scomparsa di Papa Wojtyła si chiude uno dei pontificati più lunghi della Storia, dopo quelli di San Pietro e di Pio IX.

Giovanni Paolo II, a ragione, può essere annoverato tra gli uomini che, con la loro opera, hanno costruito la "Storia" del XX secolo.

Il segnale della sua grandezza fu per molti comprensibile la sera stessa della sua elezione, nelle prime parole pronunciate dal balcone centrale della Basilica di San Pietro: "Se sbaglio, mi corriggerete". Una frase interpretabile come un segno di grande umiltà, tipica dei grandi uomini.

La data dei funerali - che avverranno non prima di giovedì 7 aprile - sarà decisa dai 117 cardinali riuniti nella prima Congregazione generale, che si terrà lunedì in Vaticano nella sala detta "del Bologna".




domenica 10 aprile 2005

GIOVANNI PAOLO II


(foto tratta dal sito www.aurorablu.it)

Non ho parole...sono triste...mi sento svuotata!!!
Lo scorso 2 aprile ci ha lasciati Giovanni Paolo II..il nostro papa!!!

già...mi fa strano sentirmi così vuota...in fondo era una persona "distante" da me...o almeno è quello che credevo.

poi, la notizia dell'aggravarsi delle sue condizioni e, in seguito, quella della sua morte...beh, mi han fatto piangere...si....non son riuscita a trattenere le lacrime...!!!
Sono andata lì, in piazza S.Pietro....per una preghiera, un ultimo saluto...
e mentre fissavo la SUA finestra illuminata...ho pensato che Lui poteva sentirmi...

E' dura accettare la sua morte....nonostante l'età e i suoi problemi di salute...
sembrava non dovesse mai finire...

e, invece, quel giorno è arrivato...purtroppo!!!

L'unica cosa di cui sono sicura è che nel mio cuore porterò sempre il ricordo del Papa di tutti...

ciao Karol....!!!